L’obiettivo principale è l’ individuazione precoce dei Disturbi Specifici di Apprendimento finalizzata a prevenire il disagio e a rimuovere gli ostacoli per consentire il pieno successo formativo del bambino, a partire dall’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia.

Gli obiettivi primari del progetto consistono nell’ evidenziare la presenza di bambini “a rischio” di disturbo dell’apprendimento;  rafforzare le abilità scolastiche e i prerequisiti mediante un percorso di potenziamento, anticipare le difficoltà potenziali successive, modulando la didattica in favore delle potenzialità del bambino.

Intervenire precocemente significa stimolare la consapevolezza e la comprensione delle difficoltà del bambino evitando dannose colpevolizzazioni e quindi la cronicizzazione, conseguente alle frustrazioni subite in ambito scolastico e familiare, della difficoltà e dell’eventuale disturbo ed offrire strumenti e metodologie utilizzabili per fronteggiare il rischio di deficit dell’abilità riscontrata.

Ci si propone, pertanto, come obiettivi collaterali di consentire al bambino una partecipazione più efficace alla vita scolastica;

minimizzare le conseguenze comportamentali secondarie alle difficoltà di apprendimento;

favorire momenti di confronto con le educatrici e le insegnanti per attuare modifiche efficaci nella didattica e nell’atteggiamento nei confronti degli alunni “a rischio”, o raccolta indicatori significativi da parte della scuola per mettere in atto aiuti specifici, didattica di compenso o semplici provvedimenti compensativi attraverso progetti e laboratori anche extracurricolari.

DESTINATARI:
bambini frequentanti l’ultimo anno della Scuola dell’Infanzia e le classi 1° e 2° della Scuola Primaria.